Realizzato con il sostegno di Unione europea

Cool Hunting in Paris

Ricerca di tendenze per respirare lo spirito del nostro tempo

Nel 1997 uno studioso ed esperto di mutamenti sociali, Malcom Gladwell ha coniato il termine “Cool Hunter” per descrivere quel “saccheggio” dalla strada che iniziava ad esistere nel mondo dei grandi brand della moda forse, senza immaginare cosa sarebbe successo di lì a pochi anni.

Oggi il cool hunting, ovvero la ricerca delle tendenze, è una pratica assai diffusa, che coinvolge in generale le grandi multinazionali della moda e del design. Macchina fotografica e grande sensibilità nei confronti del mondo e dei cambiamenti sociali sono i due strumenti fondamentali del bravo cool hunter.

Fare cool hunting significa saper respirare lo spirito del nostro tempo.

Ecco la sfida che l'Ateneo della Moda ha lanciato ai propri studenti. E quale migliore occasione per “testarsi” sul campo se non in viaggio studio a Parigi, la città della moda?

Gli studenti di Marketing, Stilista e Fashion Design hanno vagato per le vie di Parigi, hanno visitato mostre e musei, si sono lasciati affascinare dalle vetrine ma anche dalle persone che hanno incontrato sul loro cammino. E hanno raccolto spunti e suggestioni, hanno trovato ispirazioni e nuove tendenze e le hanno trasformate in un personalissimo “cool hunting” parigino.

Ecco in regalo qualche scatto…

I corsi partecipanti

Accessori

per la moda

Marketing

e comunicazione

per le imprese di moda

Stilista

tecnologico